Il fascino discreto della tradizione

Annibale Ruccello drammaturgo

di Dario Tomasello

Collana Duepunti, n. 7
ISBN 978-88-7470-066-0

2008

pp. 200

Il volume ripercorre l’opera drammaturgica di Annibale Ruccello nel contesto della tradizione teatrale napoletana, da Raffaele Viviani a Eduardo De Filippo.

PROFILO DELL'OPERA

Il volume di Dario Tomasello ripercorre criticamente l’intera opera teatrale del drammaturgo napoletano Annibale Ruccello. Scomparso prematuramente nel 1986, all’età di trent’anni, il giovane autore partenopeo ha comunque dato vita ad una notevole produzione drammaturgica, caratterizzata da toni a volte esplicitamente comici e grotteschi altre volte decisamente magniloquenti e gravi: ad ogni modo una produzione unica nel suo genere. L’autore analizza questa unicità, rintracciandone le radici nella tradizione teatrale napoletana (da Viviani a Eduardo), ma provando ad inquadrare la figura di Annibale Ruccello nel complesso del teatro italiano novecentesco.

AUTORE

Dario Tomasello è professore associato di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli Studi di Messina. Le sue principali pubblicazioni sono: Il romanziere è panteista. Ideologia e stile nella prosa di F.D. Guerrazzi (Roma 1998); Oltre il futurismo (Roma 2000); Poesia di narratori. Alvaro, Delfini, Landolfi (Messina 2004); La realtà per il suo verso e altri studi su Pascoli prosatore (Firenze 2005). Ha curato anche l’edizione degli Atti del convegno Viaggio verso qualcosa di preciso. Percorsi della poesia di Bartolo Cattafi (Firenze 2006).


DISPONIBILE
Generalmente spedito entro 3 giorni dall'ordine

€14,00
IVA inclusa

ISCRIVITI ORA

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato su news, eventi e nuovi libri in uscita.

DELLO STESSO AUTORE O CURATORE