David George Ritchie

Un darwinista hegeliano nell’Inghilterra vittoriana

di Antonio Lombardi

Collana Biblioteca filosofica di Quaestio, n. 31
ISBN 978-88-7470-786-7

2020

pp. X-166

Una monografia che ripercorre gli snodi fondamentali dell’Evoluzionismo idealista di Georg Ritchie, lasciando apparire il rapporto Hegel-Darwin sotto una luce completamente nuova.

PROFILO DELL’OPERA

«Nella seconda metà del XIX secolo esplode in Inghilterra il grande dibattito intorno alla teoria evoluzionistica di Charles Darwin. La visione del mondo adombrata ne L’origine delle specie (1859) metteva in crisi non solo l’abituale immagine della natura come prodotto di un armonico disegno divino, ma poneva la società vittoriana di fronte a un nuovo modo di concepire l’uomo: non più una creatura “eccezionale”, dotata di libertà e senso morale, ma il risultato estremamente complesso della spietata lotta per l’esistenza. Negli stessi anni, la filosofia di Hegel cominciava a essere studiata e apprezzata a Oxford, dove il filosofo Thomas Hill Green si fa promotore di una scuola idealista che reagirà alle derive social-darwiniste di pensatori come Spencer. Tra i suoi allievi, spicca la figura di David George Ritchie (1853-1903), convinto invece della possibilità di un accordo tra l’idealismo e il nuovo paradigma evoluzionistico.

AUTORE

Antonio Lombardi (1991) è dottore di ricerca in Filosofia e Storia della Filosofia. Collabora con la cattedra di Storia della Filosofia dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.


MATERIALI



DISPONIBILE
Generalmente spedito entro 3 giorni dall'ordine

€16,00
IVA inclusa

ISCRIVITI ORA

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato su news, eventi e nuovi libri in uscita.